Korowai, un passato da cannibali

Korowai, un passato da cannibali

I Korowai, chiamati anche Kolufo, sono un popolo che vive in Papua Nuova Guinea e che conta circa 3.000 individui. Fino agli ultimi anni del 1970, periodo in cui presero contatti con i primi antropologi occidentali, i Korowai non conoscevano l’esistenza di altri esseri umani.

I Korowai sono cacciatori-raccoglitori e orticoltori: disboscano parte della foresta per coltivare piante utili a sostenere il loro stile alimentare.

I Korowai sono abili cacciatori e pescatori. Sono organizzati in clan patriarcali governati da individui dominanti particolarmente abili nella caccia o nella guerra.

Gli scontri tra clan sono frequenti, specialmente quando un clan rivale viene accusato di stregoneria. Nel caso di condanna per magia nera, non è raro che si ricorra al cannibalismo dell’accusato per eliminare ogni traccia di magia.

L’universo dei Korowai è popolato da creature magiche, spiriti naturali e divinità creatrici come Gimigi, il dio dalla testa rossa. La loro tradizione religiosa viene tramandata oralmente attraverso miti, leggente, incantesimi e totem.

Please accept YouTube cookies to play this video. By accepting you will be accessing content from YouTube, a service provided by an external third party.

YouTube privacy policy

If you accept this notice, your choice will be saved and the page will refresh.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.