Il cavallo: storia, evoluzione e selezione fino al XIX secolo – Parte 2

Il cavallo: storia, evoluzione e selezione. Foto di Erika Argo

Un doveroso ringraziamento a Lisa B. per avermi fornito questo contenuto in due parti, e ad Erika A. per la splendida foto del cavallo usata come immagine in evidenza per il post.

Leggi la prima parte

Il cavallo di Cortes e dei Comanches: il Paint Horse

Ormai abbiamo la certezza che tra i primi cavalli sbarcati in Messico con la spedizione di Hernán Cortés vi fosse certamente un cavallo dal manto pezzato. Inevitabilmente i cavalli trasportati nel Nuovo Mondo sfuggirono al controllo dell’uomo tornando ad uno stato selvaggio; riproducendosi tra di loro, il manto pezzato venne trasmesso ai nuovi puledri.

I Comanche (molto probabilmente i primi tra i nativi americani ad introdurre il cavallo nella loro cultura) apprezzarono particolarmente questi cavalli dal mantello così particolare: erano cavalli scattanti e perfettamente adatti a galoppare tra le grandi pianure.

E ‘altresì vero che saranno i primi cowboy ad attuare una vera e propria selezione di questa razza (poiché inizialmente questi cavalli avevano in comune solamente il colore del loro mantello) e a dar loro il nome di “Paint”, termine che deriva dalla parola spagnola “pintado”.

Il pony Welsh, a rischio di estinzione per volere di un sovrano
Il cavallo: storia, evoluzione e selezione. Pony Welsh
Pony Welsh

Questi pony sono una razza originaria del Galles (probabilmente sono discendenti dei pony celtici) già allevata ai tempi degli antichi romani ed apprezzata per la grande energia ed intelligenza.

Questa razza rischiò seriamente l’estinzione nel Cinquecento, quando Enrico VIII, avendo notato un decadimento della qualità dei cavalli britannici, impose di selezionare solamente cavalli adatti agli usi in guerra e decretando che qualsiasi cavallo di altezza inferiore ai 132 cm per le fattrici e i 152 cm per gli stalloni venisse soppresso.

Fortunatamente, qualche esemplare sfuggì al massacro ordinato dal sovrano, e fu solo così che l’estinzione di questa razza venne scongiurata; nel Settecento i pony Welsh tornarono nuovamente a diffondersi poiché, come prima dell’imposizione del sovrano inglese, questi animali erano un validissimo aiuto per gli agricoltori e allevatori inglesi.

Il cavallo Lipizzano, il giovane canuto

La caratteristica più straordinaria del cavallo Lipizzano è la sua estrema intelligenza, che lo porta ad avere una notevole capacità di apprendimento; eppure, quando si parla di questo cavallo la prima cosa che colpisce è il precoce incanutimento del suo mantello.

I puledri nascono con un mantello scuro (baio, morello o grigio) ma nel giro di 7-10 anni il loro mantello si imbianca tendendo sempre di più al colore grigio-bianco.

Il nome Lipizzano dato a questa elegante razza deriva dalla città di Lipizza, città un tempo italiana ma oggi in territorio sloveno; questa località venne scelta nel 1580 dall’Arciduca Carlo di Stiria per costruirvi un allevamento di cavalli che potesse rifornire la corte viennese di animali da parata e per il traino delle loro carrozze; purtroppo la scelta di questo territorio, assai conteso nel corso della storia, ha provocato numerosi spostamenti di questo allevamento in altre località, spostamenti che però hanno garantito la continuità della razza.

Il cavallo: storia, evoluzione e selezione. Lipizzano
Lipizzano

Ancora ad oggi questa razza è il motivo di orgoglio della “Scuola di Equitazione Spagnola” di Vienna, scuola fondata da Carlo VI nel 1729 e chiamata “spagnola” a sottolineare l’alta componente di sangue andaluso dal quale questa razza ha attinto. Gli esercizi che vengono svolti e ripetuti ancora oggi dai cavalli sono il frutto di antichi insegnamenti volti al rafforzamento del corpo del cavallo.

Il purosangue inglese, la perfetta macchina da corsa

Il popolo inglese da sempre è stato un grande amante delle corse dei cavalli: non a caso la Gran Bretagna vanta una tradizione consolidata per l’allevamento di cavalli da corsa.

I primi ippodromi (così come li intendiamo noi oggi) e i primi regolamenti per le corse nacquero su suolo inglese. Grazie a Carlo II d’Inghilterra vennero disciplinate le corse con precisi regolamenti: lui stesso era un grande appassionato di queste competizioni e si cimentò in prima persona in molte di queste gare portando a casa svariate vittorie.

Ben presto si iniziò a selezionare cavalli sempre più veloci e scattanti: si cercava il perfetto “figlio del vento” in grado di superare i 60 km/h (con punte di circa 70 km/h).

Oggi, il Purosangue Inglese è il cavallo più veloce di tutti ed è il risultato della selezione operata volutamente dall’uomo: fu durante il Settecento che si andò definendo questa razza, quando vennero incrociate le “50 Royal Mares” appartenenti alla corte inglese con tre stalloni orientali (Byerly Turk, Darley Arabian e Godolphin Barbdal) dai quali ancora oggi discendono quasi tutti i cavalli appartenenti a questa razza.

Negli anni 50, anche l’Italia ha saputo allevare prestigiosi cavalli Purosangue Inglesi: ciò fu possibile grazie alla passione dell’allevatore Federico Tesio soprannominato “il mago di Dormello” che fondò “La scuderia Tesio” a Dormelletto e ottenne vittorie e piazzamenti sempre più importanti. La sua maggior “creazione” sarà il cavallo Ribot, definito dalla stampa francese dell’epoca “il cavallo del secolo”.

Dal Mustang dei nativi americani al Quarter Horse dei cowboy
Il cavallo: storia, evoluzione e selezione. Mustang
Mustang

I cavalli Mustang erano i figli dei cavalli importati dagli spagnoli con la conquista del Nuovo Mondo e poi lasciati liberi di rinselvatichirsi e riprodursi in maniera incontrollata.

Se è vero che la loro riproduzione incontrollata in natura fece sì che questi cavalli andassero perdendo le caratteristiche tanto attentamente selezionate dall’uomo, è altresì vero che il cavallo tornava alle sue origini, quando per opera della sola selezione naturale prevalevano cavalli perfettamente adattati all’ecosistema in cui vivevano.

Molto probabilmente furono i nativi d’America (in particolare i Chickasaw), superata la loro iniziale diffidenza verso questo animale, a guidare l’accoppiamento dei primi Mustang nel tentativo di ottenere cavalli migliori rispetto a quelli catturati in natura.

Fu nel XVII secolo che per migliorare ulteriormente i cavalli Mustang venne introdotto il Purosangue Inglese, ottenendo così un cavallo non solo robusto e dalla muscolatura potente ma anche veloce e calmo: era nato così il cavallo dei cowboy, il Quarter Horse.

Il nome curioso di questa razza, “Quarter”, deriva dalla misurazione che veniva fatta dai coloni americani quando rilevavano la velocità dei propri cavalli su una distanza di un quarto di miglio (circa 402 metri). Ai primi cowboy occorreva un cavallo veloce e scattante ma al contempo equilibrato e calmo per poter condurre le mandrie di bovini tra le grandi praterie.

È proprio in questo periodo, con la necessità dei primi mandriani nordamericani di stare in sella anche 16 ore al giorno, che nasce la “monta americana” (o monta western), ovvero la monta da lavoro più famosa, caratterizzata dall’uso della “sella americana”, la sella con il caratteristico “pomolo” – detto anche corno – necessario per ancorare il lazo con il quale vengono catturati per lo più capi di bestiame destinati poi ad essere marchiati o curati).

La sella americana è una sella molto più grande di quelle usate fino ad allora perché pensata per la comodità del cavaliere e del suo cavallo. In Europa, la sella che ebbe maggior diffusione in passato ed è ancora oggi la più diffusa è quella per la “monta inglese”, decisamente meno voluminosa rispetto a quella americana.

Appaloosa, figlio della tribù dei Nasi Forati
Il cavallo: storia, evoluzione e selezione. Appaloosa
Appaloosa

Non solo il Paint Horse e il Lipizzano attirano per i loro curiosi mantelli, ma anche l’Appaloosa, dove l’appariscente mantello è una vera e propria opera d’arte priva di repliche: non esistono in natura due soggetti con la stessa macchiettatura.

L’allevamento di questa razza iniziò grazie alla tribù dei Nasi Forati (Nez-Perces) che utilizzavano questi cavalli per la caccia al bisonte. Questi nativi d’America ben presto divennero degli straordinari allevatori di cavalli, abili nel vendere i soggetti meno pregiati per reinvestire in nuove mandrie, selezionando così cavalli forti, docili, resistenti sulle lunghe distanze e dai meravigliosi colori.

I Nasi Forati, pur essendo una tribù pacifica, scesero in guerra nel 1877 quando l’esercito americano li obbligò, con una deportazione forzata, ad abbandonare le loro terre per trasferirsi in una riserva indiana.

Questa tribù si mise in cerca di aiuto e, nel tentativo disperato di raggiungere la libertà del confine canadese, marciò in sella ai loro cavalli Appaloosa in quella che sarà poi chiamata la “lunga marcia per la libertà”, una marcia lunga quasi 2.000 km che implicava il difficile passaggio tra le Montagne Rocciose.

Nella marcia i Nasi Forati potevano contare su un valido aiuto: i loro cavalli Appaloosa. I Nasi Forati non erano tuttavia un esercito in movimento, ma un popolo in fuga che si spostava lentamente poiché vi erano anche donne, bambini e il loro stesso bestiame, mentre l’esercito statunitense avanzava, senza tregua, al loro inseguimento.

L’inseguimento dei Nasi Forati terminò a circa 65 km dal confine canadese con la resa di questa tribù che venne depredata di ogni cosa, anche dei suoi splendidi cavalli. I cavalli Appaloosa persero così i loro più fedeli allevatori e furono quasi dimenticati fino al 1938, anno in cui venne fondato l’ Appaloosa Horse Club negli Sati Uniti nel tentativo di valorizzare questa razza e redigere dei libri genealogici.

Lo Shetland, il pony delle miniere inglesi

Il nome “Shetland” svela fin da subito la provenienza di questo minuscolo pony: era infatti diffuso nelle isole Shetland, nelle isole Orcadi e nella Scozia settentrionale.

Sebbene sia un cavallo di antiche origini, è stato poi selezionato dall’uomo per essere un pony dalle precise caratteristiche: bassa statura, grande robustezza e forza straordinaria.

Mediamente questa razza è alta circa 100 cm con un peso che varia dai 150 ai 180 kg, e può arrivare a trasportare quasi il doppio del suo stesso peso. Per queste sue preziose caratteristiche il pony Shetland venne selezionato per aiutare l’uomo nei lavori pesanti, come la raccolta della torba nelle brughiere il traino dei carrelli carichi di carbone estratto dalle miniere.

Questi pony erano estremamente forti e la loro bassa statura gli permetteva di essere in grado di raggiungere i cunicoli più bassi ed essere quindi in prima linea nel fronte di avanzamento degli scavi.

Il cavallo: storia, evoluzione e selezione. Pony Shetland
Pony Shetland

Nella seconda metà dell’Ottocento gli allevamenti di Pony Shetland (e dei pony in genere) subirono un’impennata nel Regno Unito dopo il divieto per i bambini sotto i dieci anni di lavorare sottoterra; solo l’avvento dei trasporti meccanizzati cambiò il loro impiego facendoli diventare cavalli da sella per bambini.

Quando impiegati nell’attività mineraria, i pony Shetland erano un preziosissimo aiuto per i minatori e venivano trattati con molto rispetto, nonostante trascorressero la maggior parte della loro vita sottoterra; difficilmente venivano portati in superficie, tant’è che avevano le loro stalle all’interno della miniera e venivano tenuti vicini alle prese d’aria in maniera tale che potessero respirare aria fresca proveniente dalla superficie.

Gli incidenti non mancavano: ferite agli occhi (da qui la credenza popolare che i pony che lavoravano nelle miniere diventavano tutti ciechi), incidenti con i carrelli, capitava perfino che morissero soffocati dal loro stesso collare da tiro o che morissero assieme agli altri minatori nei crolli delle gallerie.

Solo nei primi anni del Novecento si ebbero le prime leggi a tutela dell’uso dei pony nelle miniere, leggi in cui si vietava di utilizzare animali con un’età inferiore ai 4 anni.

Avelignese, il cavallo tutto italiano

Se si parla di selezione nel corso della storia per mano dell’uomo, non può non essere menzionato l’italianissimo “Avelignese” e chiunque, con un solo colpo d’occhio, è in grado di riconoscere il biondo sauro altoatesino.

Il nome di questa razza deriva dal paese di Avelengo, in provincia di Bolzano. In lingua tedesca questo paese è chiamato “Hafling” ed è per questo motivo che questa razza è anche conosciuta con il nome di “Haflinger”.

Oggi è sempre più utilizzato per le passeggiate con i turisti e per l’ippoterapia poiché molto tranquillo, socievole, vivace, tollerante ed è molto semplice desensibilizzarlo perché non dimostra particolari paure; in passato invece veniva apprezzato per altre qualità, ovvero per il fatto di essere molto robusto e rustico e perciò perfetto per essere impiegato come animale da lavoro.

Inizialmente il cavallo Avelignese venne selezionato per aiutare l’uomo in agricoltura e per il trasporto di merci attraverso le Alpi, negli anni Sessanta fu allevato per la sua carne, mentre negli anni Novanta è stato fortunatamente riscoperto per il turismo equestre poiché molto paziente.

Molte sono le leggende attorno alla nascita di questa razza, nessuna al momento riconosciuta come ufficiale: secondo la tradizione, questa razza equina discende dai cavalli che l’imperatore Ludovico IV portò in Alto-Adige per donarli al figlio come regalo di nozze.

Un’altra ipotesi indicherebbe invece come origine i cavalli lasciati liberi nelle valli dell’Alto-Adige dalla popolazione gota in ritirata a seguito della resa di Conza (555 d.C.).

Ma l’origine ufficiale di questa razza è l’anno 1874, anno di nascita di “249 Folie”, un cavallo nato dall’incrocio tra una cavalla locale e un purosangue arabo: questo puledro sarà il capostipite di tutta la razza Avelignese.

Durante la seconda guerra mondiale l’allevamento di questa razza venne preso particolarmente a cuore da Karl Thurner, che individuò le sette linee di sangue di questa razza; le linee di sangue si trasmettono per linea paterna e queste “sette linee” ancora oggi danno l’iniziale del nome ad ogni puledro maschio della razza Avelignese, poiché ognuna di esse è l’iniziale del nome dei sette stalloni capostipiti: Anselmo (A), Bolzano (B), Massimo (M), Niggl o Nibbio (N), Student (ST) , Stelvio (S) e Willi Liz (W).

Questa pratica dell’iniziale del nome non deve stupire: tra le varie razze di cavalli è molto diffuso avere delle regole o delle linee guida per la scelta dei nomi da annotare sui registri di razza (nel mondo dell’allevamento il lignaggio dei genitori può avere estrema rilevanza), così come in molte scuderie gli allevatori utilizzano dei prefissi per i cavalli che allevano.

Ad oggi è la razza Avelignese è la razza italiana presente in maggior numero sul territorio nazionale e viene allevata in tutti i continenti.

CHI HA INVENTATO LA STAFFA?
The Royal Andalusian School of Equestrian Art Foundation
Equus ferus caballus
Appaloosa.com

One Comment on “Il cavallo: storia, evoluzione e selezione fino al XIX secolo – Parte 2”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.