Documentario: 76 giorni in mare

Documentario: 76 giorni in mare

Dopo una feroce tempesta, un uomo si ritrova alla deriva nell’Oceano Atlantico senza apparentemente alcuna speranza di salvezza.

Per 76 giorni Steven Callahan giorni è costretto ad adattarsi alla vita in mare affrontando la ferocia del clima, imprevisti di ogni tipo e animali marini troppo invadenti, trovando espedienti per combattere la disidratazione, la fame e la follia.

Partito da Rhode Island a bordo dell’imbarcazione chiamata Napoleon Solo, dopo un viaggio in solitario a Bermuda, Callahan salpò verso l’Inghilterra in compagnia del suo amico Chris Latchem.

Please accept YouTube cookies to play this video. By accepting you will be accessing content from YouTube, a service provided by an external third party.

YouTube privacy policy

If you accept this notice, your choice will be saved and the page will refresh.

Dopo essere stata danneggiata durante una tempesta, la Napoleon Solo inizia ad affondare diversi giorni dopo aver raggiunto le Canarie. Callahan si vede costretto a rifugiarsi a bordo di un gommone di salvataggio per sei persone, iniziando un duro percorso per la sopravvivenza nel bel mezzo dell’Atlantico.

Durante i suoi 76 giorni Callahan si ciba di pesci che riesce a pescare con una lancia improvvisata, dei pesci volanti che cadono accidentalmente nel gommone e di uccelli acquatici. I suoi resti contribuirono a generare un mini-ecosistema di creature acquatiche e uccelli che seguì il gommone per circa 3.300 km.

Callahan otteneva acqua grazie a due distillatori solari d’acqua marina e alcuni dissalatori improvvisati, producendo ogni giorno un totale di circa mezzo litro d’acqua.

Dopo oltre 2 mesi di deriva nell’Atlantico, alcuni pescatori dell’isola di Maria Galante, a sud-est da Guadalupe, si accorsero della sua presenza grazie agli uccelli marini che seguivano il gommone, recuperando Callahan e portandolo sulla terraferma: aveva perso un terzo del suo peso ed era ricoperto da escoriazioni causate dall’acqua salata e dal sole.

  •  
  •   
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.