Punture di insetti, le più dolorose

formica proiettile

Lo Schmidt Sting Pain Index è una scala numerica che categorizza il dolore provocato dalla puntura di insetti, dai più comuni ai più rari e temibili.

Questa scala è stata messa a punto da Justin O. Schmidt, un entomologo del Carl Hayden Bee Research Center. Grazie al suo lavoro, che per forza di cose lo porta al contatto ravvicinato con una moltitudine di insetti come api, vespe e calabroni, Schmidt ha collezionato negli anni una serie di dolorose punture che lo hanno indotto a creare la scala di dolore che porta il suo nome.

All’atto della sua pubblicazione nel 1983, il Pain Index non era altro che un resoconto dettagliato delle proprietà emolitiche del veleno di alcuni insetti: partiva da 0 (nessun effetto sull’essere umano) fino a raggiungere il numero 4, numero che rappresenta il dolore totale, quasi indescrivibile ed estremamente difficile da sopportare.

Scala del dolore delle punture di insetto di Schmidt
Scala del dolore delle punture di insetto di Schmidt

Successivamente la scala è stata modificata e corretta, diventando la moderna classifica del dolore causato dalle punture di insetti; ad oggi contiene i resoconti sulle punture di ben 78 specie di api, vespe, calabroni e formiche. Il valore medio è 2, valore che indica il dolore provocato dalla puntura di un’ ape o di una vespa.

Qui sotto riporto una versione parziale dello Schmidt Sting Pain Index, partendo da insetti relativamente comuni e innocui per finire con le punture più dolorose mai sperimentate dall’essere umano.

dolore punture di insetti

Scala del Dolore: 1.0 – Ape del sudore

Nome comune che viene dato a tutte quelle api che sono attratte dalla salinità del sudore umano. In particolare ci si riferisce ad una famiglia di api, le Halictidae, che vive in molte regioni del mondo. La puntura di questa ape è quasi del tutto indolore, anche perché spesso non riesce a bucare la pelle umana.

dolore punture di insetti

Scala del Dolore: 1.2 – Formica di fuoco

Una specie di formiche (Solenopsis invicta) in grado di iniettare veleno e di causare dolore lieve e irritazione. Il grosso problema con queste formiche non è il dolore che provocano le loro punture, ma il fatto che attacchino in massa, lasciando segni su tutto il corpo in grado di infettarsi.

Le Solenopsis invicta sono considerate tra le 100 specie invasive più dannose del mondo e possono distruggere intere piantagioni in brevissimo tempo costruendo formicai in corrispondenza delle radici delle piante.

dolore punture di insetti

Scala del Dolore: 1.8 – Formica dell’acacia (Pseudomyrmex ferrugineus)

Vive su un’acacia nativa del Messico (Acacia cornigera), chiamata “corna di toro” per alcune escrescenze che crescono alla base del fogliame. Questo albero vive in simbiosi con la Pseudomyrmex ferrugineus, una formica che attacca qualunque cosa possa minacciare la pianta utilizzando un pungiglione decisamente doloroso. La puntura di questa formica causa una sensazione descritta da Schmidt “come se qualcuno ti avesse sparato un punto chirurgico sulla guancia”.

Nella medicina tradizionale Maya, le formiche dell’acacia sono impiegate per curare la depressione facendosi pungere diverse volte in corrispondenza di una vena, generalmente nell’incavo del gomito.

dolore punture di insetti

Scala del Dolore: 2.0 – YellowJacket

Vespa appartenente ad un genere chiamato “yellojackets” (Dolichovespula maculata) e che vive in Nord America. Si tratta di vespe che difendono aggressivamente il proprio nido: se un essere umano si avvicina troppo (situazione relativamente comune, dato che costruiscono spesso il nido in prossimità delle abitazioni umane), attaccano con forza pungendo ripetutamente.

Queste vespe sono anche capaci di spruzzare veleno dal pungiglione, spesso puntando agli occhi dell’aggressore per causare cecità temporanea e un’abbondante lacrimazione. Secondo Schmidt, la puntura di questa vespa “è come farsi chiudere una mano in mezzo ad una porta” o “farsi spegnere un sigaro sulla lingua”.

miele e api

Scala del Dolore: 2.x – Ape del miele

Al livello 2 della Scala di Dolore si trovano l’ape del miele, l’ape africanizzata e il calabrone. Se le api europee tendono a difendersi non appena la colonia viene attaccata, quelle africanizzate attaccano con maggiore aggressività e in massa.

Il veleno delle api africanizzate non è più potente di quello delle api europee, ma viene inoculato in dosi maggiore perché l’insetto attacca in gran numero. Il dolore di una puntura d’ape o di calabrone viene descritto da Schmidt come “un fiammifero acceso che brucia la pelle”.

dolore punture di insetti

Scala del Dolore: 3.0 – Formica rossa raccoglitrice

La Pogonomyrmex barbatus è una formica del Nord America che raccoglie e accula semi. E’ una specie estremamente aggressiva che attacca non appena ha la sensazione che la colonia sia minacciata. La sua puntura è molto dolorosa e può causare reazioni allergiche: l’effetto del veleno si estende al sistema linfatico.

Può anche mordere ferocemente con le sue potenti mascelle. Il dolore viene descritto da Schmidt “come se qualcuno usasse un trapano per scavare l’unghia dell’alluce”.

punture dolorose di insetti

Scala del Dolore: 3.0 – Formica velluto

In realtà non è una formica, ma una vespa il cui aspetto ricorda una formica ricoperta da fitta peluria. Si sono guadagnate il nome di “ammazza mucche”, ma la tossicità del loro veleno è inferiore a quella di un’ape del miele, anche se provoca un dolore acuto.

Le femmine di queste vespe, in particolare quelle della specie Dasymultila klugii, sono prive di ali ma armate di un pungiglione in grado di causare una puntura dolorosissima che provoca dolore per circa 30 minuti.

dolore punture di insetti

Scala del Dolore: 4.0 – Tarantula Hawk (vespe parassite dei generi Pepsis e Hemipepsis)

Vespa che caccia tarantole per darle in pasto alle sue larve. Con il suo pungiglione lungo ben 7 millimetri cattura e paralizza le tarantole, per poi trascinarle nel nido. Con l’essere umano non è aggressiva, a meno che non si senta minacciata.

Quando punge, tuttavia, il dolore è uno dei più acuti dell’intero mondo degli insetti. Il dolore persiste per 3 minuti circa e viene descritto come “immediato, lancinante dolore che semplicemente non ti rende in grado di fare qualunque cosa, eccetto gridare. La disciplina mentale non funziona in queste situazioni”.

formica proiettile

Scala del Dolore: 4.x – Formica Proiettile

Ecco l’insetto più doloroso in assoluto. Si trova addirittura fuori scala, il dolore che provoca la sua puntura è ai limiti della tollerabilità (leggi questo post sulla formica proiettile). Si chiama “formica proiettile” proprio per il fatto che il dolore provocato dal suo pungiglione sembra sia paragonabile a quello provocato da un proiettile sparato da una pistola di grosso calibro. Viene anche chiamata “formica 24 ore” per la durata del dolore dopo la puntura, 24 ore appunto.

Please accept YouTube cookies to play this video. By accepting you will be accessing content from YouTube, a service provided by an external third party.

YouTube privacy policy

If you accept this notice, your choice will be saved and the page will refresh.

  •  
  •   
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.