Lampade a olio e grasso animale

Lampade ad olio

Le lampade ad olio sono state per millenni la fonte di luce più economica e pratica per un uso quotidiano: erano semplici da produrre (anche se molte hanno forme e decorazioni complesse) e utilizzavano combustibili facilmente ottenibili in grandi quantità dalla lavorazione di svariati specie di animali o piante.

Le candele fecero la loro comparsa circa 5.000 anni fa ma contrariamente a quelle create in epoche più recenti venivano realizzate con grasso animale, perché la cera d’api era relativamente rara e incapace di soddisfare il fabbisogno di illuminazione dei nostri antenati.
Nell’ Europa preromana la principale fonte di luce erano lampade alimentate da olio d’oliva o sego e le candele di grasso animale o cera d’api erano considerate soltanto oggetti votivi da utilizzare nei Saturnali; anche dopo lo sviluppo di metodologie per la produzione candele di sego in grandi quantità, la lampada ad olio continuò a rappresentare la fonte luminosa più economica per la maggior parte della popolazione e fu solo con le interruzioni cicliche del commercio dell’olio d’oliva, avvenute dopo il collasso dell’Impero Romano, che le candele iniziarono lentamente a sostituire le lampade ad olio.

Conchiglia trasformata in lampada ad olio alimentata da grasso animale
Conchiglia trasformata in lampada ad olio alimentata da grasso animale

Le prime lampade ad olio fecero la loro apparizione prima del Mesolitico: si trattava probabilmente di contenitori facilmente reperibili in natura come noci di cocco, conchiglie, gusci di uova o pietre di fiume dotate di concavità naturali; come stoppino veniva utilizzata qualunque fibra vegetale capace di assorbire una quantità sufficiente d’olio da mantenere una fiamma per lunghi periodi.
Le lampade ad olio ricavate dalla lavorazione di blocchi di pietra sembrano invece comparire intorno a 12.000 anni fa ma occorre aspettare ancora qualche millennio per le prime lampade dall’aspetto molto simile a quelle che verranno utilizzate in Europa e in altre regioni del mondo ben oltre l’epoca medievale.

Lampade a olio della preistoria

Le lampade ad olio preistoriche possono essere racchiuse in tre categorie:

  • Circuito aperto: le lampade ad olio a circuito aperto sono semplicemente pezzi di roccia dotate di cavità naturali per il combustibile e fratture naturali capaci di canalizzare ed espellere il grasso fuso;
  • Circuito chiuso: la lampada a circuito chiuso è composta da una semplice concavità nella roccia, naturale o ricavata dall’uomo, utilizzata per accogliere l’olio combustibile;
  • Con manico: le lampade con manico sono forme evolute e rifinite di lampade a circuito chiuso create per facilitare il trasporto dell’utensile.

La lampada di Lascaux, rinvenuta negli anni 40 del 1900, è un tipico esempio di lampada ad olio con manico del periodo Magdaleniano (18-17.000 – 11-10.000 anni fa): si tratta di una lampada a forma di cucchiaio che al momento della sua scoperta conteneva ancora residui di combustione e ciò che restava dello stoppino, un filamento ottenuto da fibre di ginepro.
La lampada di Lascaux era probabilmente alimentata da grasso di animali ottenuti tramite la caccia. E’ stata ricavata da un pezzo di arenaria rossa lavorato e levigato fino ad ottenere una superficie liscia e uniforme su cui sono stati successivamente incisi alcuni simboli geometrici decorativi.

Lampada a olio di Lascaux
Lampada a olio di Lascaux

Con la scoperta e l’impiego di nuovi materiali come l’argilla o il bronzo le lampade ad olio diventano oggetti sempre più elaborati e radicati nella vita quotidiana di moltissimi popoli antichi. I Greci e i Romani furono probabilmente i primi ad introdurre lampade d’argilla “a ruota” prima del III secolo a.C.: queste lampade erano generalmente semplici contenitori a scodella dotati di una piccola protuberanza a becco su cui poggiava un segmento di corda di lino, tessuto o altre fibre vegetali che fungevano da stoppino.

L’argilla si dimostrò ben presto un materiale ideale per la produzione di lampade ad olio: è possibile plasmarla secondo la forma desiderata, è facilmente estraibile da letti fluviali e disponibile in abbondanza. Intorno al I secolo a.C. inizia la creazione di lampade d’argilla su scala relativamente vasta grazie all’invenzione di stampi su cui l’argilla, sotto forma di foglio dallo spessore più o meno uniforme, veniva modellata a pressione. La cottura dell’argilla permetteva di stabilizzare la forma e rendere l’oggetto resistente e indeformabile dal calore della combustione.

Lampada ad olio greca in terracotta risalente al III-II secolo a.C.
Lampada ad olio greca in terracotta risalente al III-II secolo a.C.. Fonte: Ancient Resources

L’uso della terracotta (o del bronzo, metallo facilmente lavorabile) rese possibile la realizzazione di lampade ad olio sempre più sofisticate e decorate: iniziarono ad apparire lampade a scodella chiusa dotate di una o più uscite tubolari per gli stoppini e di un’ apertura superiore tramite la quale riempire l’oggetto di combustibile. Questo design limitava la possibilità di fuoriuscita dell’olio o del sego durante il trasporto della lampada e consentiva di regolare e fissare la lunghezza dello stoppino per variare l’efficacia della combustione.

Lampada ad olio romana in bronzo del I-II secolo d.C.
Lampada ad olio romana in bronzo del I-II secolo d.C.. Fonte: Hixenbaugh.net

Il combustibile delle lampade ad olio fu probabilmente l’elemento che garantì il successo di questa sorgente di luce almeno fino al 1600. Qualunque sostanza grassa in grado di sostenere una fiamma era considerata un valido combustibile: olio vegetale o grasso animale (oppure olio di balena) lavorato erano combustibili di prima scelta, mentre la cera d’api era di solito impiegata per alimentare lampade ad uso cerimoniale o per illuminare le case delle famiglie più benestanti.

Per ottenere il sego il materiale di partenza è il grasso animale, specialmente quello che ricopre cuore e reni dei bovini. Dopo la bollitura a bassa temperatura e l’eliminazione delle scorie solide in sospensione, si ottiene un liquido biancastro che tenderà ad assumere una forma solida con l’abbassarsi della temperatura.
Il sego si mantiene allo stato solido a temperatura ambiente e può essere conservato a lungo a patto di immagazzinarlo in contenitori a tenuta stagna, per evitare che l’aria dia origine a processi di ossidazione capaci di compromettere la composizione del grasso.
Uno degli inconvenienti tipici della combustione del sego è l’odore: il sego di bassa qualità contiene impurità che possono produrre odori sgradevoli se bruciate; il sego non particolarmente raffinato produce inoltre molto fumo e si scioglie molto rapidamente in prossimità di una fiamma o durante l’esposizione al sole estivo.

Please accept YouTube cookies to play this video. By accepting you will be accessing content from YouTube, a service provided by an external third party.

YouTube privacy policy

If you accept this notice, your choice will be saved and the page will refresh.

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.