Quanto sono intelligenti gli animali?

Intelligenza animale

L’essere umano si è distinto dal resto delle specie animali grazie al raggiungimento di traguardi incredibili, soprattutto considerando le nostre origini di cacciatori-raccoglitori. Ogni sfida superata ed ogni risultato ottenuto hanno contribuito a convincerci della nostra superiorità intellettiva rispetto a cani, delfini, orsi o pesci, ma la realtà sembra essere ben differente.

“Per millenni, ogni genere di autorità, da quella religiosa a quella scientifica, ha ripetuto lo stesso concetto fino alla nausea: l’essere umano è straordinario in virtù del fatto che è l’essere vivente più intelligente dell’intero regno animalesostiene Arthur Saniotis, ricercatore della University’s School of Medical Sciences. “Tuttavia, la scienza ci dice chiaramente che gli animali possono avere facoltà cognitive superiori a quelle dell’essere umano”.

L’idea della superiorità umana sembra nascere nel periodo della Rivoluzione Agricola, circa 10.000 anni fa, quando l’aver domato alcune specie del regno vegetale come i cereali convinse l’uomo della sua superiorità sul resto della natura. Dopo le prime piante addomesticate venne il momento del regno animale: i nostri antenati si convinsero ulteriormente di essere più intelligenti degli animali perché possedevano la capacità di controllarli e selezionarli.

Il problema della superiorità intellettiva umana risiede nel fatto che l’essere umano e gli animali possono essere considerati ugualmente intelligenti, con la differenza che gli animali utilizzano le loro capacità cognitive in ambiti del tutto differenti, portando ad un’errata interpretazione su quale livello possa raggiungere la loro intelligenza.

“Il fatto che gli animali possano non comprenderci, insieme al fatto che noi non riusciamo a capirli, non significa che le nostre ‘intelligenze’ si trovano a livelli differenti, sono soltanto di tipo diverso” spiega Maciej Henneberg, professore di anatomia antropologica e comparativa della School of Medical Sciences. “Quando uno straniero tenta di comunicare utilizzando una versione imperfetta del nostro linguaggio, la nostra impressione è che non sia molto intelligente. Ma la realtà è molto diversa”.

intelligenza animale
https://thumbnails-visually.netdna-ssl.com/the-difference-between-humans-and-animals_50290a5b3e4f8_w1500.jpg

Rispetto a qualche decade fa, quando si parlava di intelligenza in modo estremaente generico, oggi siamo arrivati a distinguere fino a nove ambiti distinti d’ intelligenza: se l’essere umano eccelle, per esempio, nell’intelligenza musicale, linguistica e logico-matematica, la maggior parte delle specie animali è letteralmente imbattibile in una o più nicchie differenti, come nello sfruttamento dell’ intelligenza naturalistica e di quella corporeo-cinestetica.

“Gli animali esibiscono diversi tipi di intelligenze che sono stati finora sottovalutati per colpa della fissazione umana per il linguaggio e per la tecnologia. Alcuni mammiferi, come i gibboni, possono produrre una vasta gamma di suoni, circa 20 suoni diversi con differenti significati che consentono a questi primati di comunicare attraverso la foresta tropicale. Il fatto che non costruiscano case [contrariamente all’essere umano] è del tutto irrilevante per i gibboni”.

In effetti, il ragionamento non fa una piega. Alcune tribù umane considerate “incontaminate” per l’assenza di contatti con la civiltà moderna continuano a comunicare con un bagaglio linguistico estremamente ridotto, spesso costituito da “click” e fischi. Non sentono nemmeno la necessità di possedere una casa per ogni famiglia, condividendo lo stesso tetto con il resto della comunità; e la loro necessità di essere protetti dagli agenti atmosferici deriva esclusivamente dal fatto che, al contrario dei gibboni o di moltissimi altri animali, il corpo nudo dell’essere umano non è “a prova di clima”.

Come alcuni animali sembrano non essere particolarmente portati per le lingue o la matematica, l’essere umano non è dotato di alcuni meccanismi biologici estremamente complessi che coinvolgono necessariamente un elaboratissimo grado di computazione da parte di un cervello animale. “Molti quadrupedi lasciano impronte olfattive complesse nell’ambiente in cui vivono, e alcuni, come i koala, hanno speciali ghiandole pettorali per lasciare tracce olfattive. Gli esseri umani, con il loro limitato senso dell’olfatto, non possono nemmeno afferrare la complessità dei messaggi contenuti in questo sistema di comunicazione, che può essere ricco d’informazioni quanto il mondo visivo”.

Please accept YouTube cookies to play this video. By accepting you will be accessing content from YouTube, a service provided by an external third party.

YouTube privacy policy

If you accept this notice, your choice will be saved and the page will refresh.

Noi esseri umani siamo abituati a dimostrare la nostra intelligenza logico-linguistico-matematica attraverso la comunicazione verbale o scritta, comportamento che ha pregiudicato moltissimi esperimenti volti a rilevare il livello di intelligenza animale. Per quale motivo? Semplice: non possiamo pretendere che il resto del regno animale possa/voglia comunicare nel modo in cui comunicano solo poche specie del pianeta. Come non possiamo pretendere che, per misurare la loro intelligenza, si parta da parametri quasi esclusivamente tarati sulla nostra specie.

Gli elefanti, per esempio, sono stati tra i primi mammiferi ad essere esaminati per scoprire la loro capacità di utilizzare oggetti per risolvere un problema. Questa caratteristica, che sicuramente ha contribuito in buona parte al successo dell’essere umano, è da sempre considerata un sintomo di intelligenza.

Agli elefanti è stato dato un bastone tramite l’utilizzo del quale era possibile raggiungere del cibo altrimenti fuori dalla portata degli animali. Curiosamente gli elefanti, sebbene siano noti per la loro intelligenza e memoria, non hanno utilizzato il bastone per ottenere il cibo, nonostante si siano dimostrati capaci di localizzare il cibo e di afferrare il bastone con la proboscide.

L’esperimento suscitò qualche grattacapo fino a quando i ricercatori individuarono un errore di fondo nel test: afferrare il bastone con la proboscide lasciava gli elefanti privi del tatto e dell’olfatto, sensi su cui fanno affidamento in modo molto più massiccio rispetto alla vista quando sono alla ricerca di cibo. Non appena il bastone fu sostituito da una scatola (da spostare per raggiungere il cibo), gli elefanti hanno ottenuto la ricompensa in brevissimo tempo calciando ripetutamente la scatola.

Questo è solo un esempio di come tendiamo ad interpretare l’intelligenza animale secondo parametri del tutto inadatti. Gli scoiattoli, ad esempio, fingono di seppellire i semi di cui sono ghiotti se si accorgono di essere osservati, dimostrando di essere in grado di pensare al futuro e di saper depistare potenziali competitori per il cibo. I corvi invece sono in grado di costruire uncini utilizzando cavi metallici allo scopo di ottenere cibo altrimenti irraggiungibile, esprimendo una capacità di problem solving incredibile soprattutto considerando che i loro unici strumenti di manipolazione sono le zampe e il becco.

E che dire dei calabroni, capaci di risolvere problemi più velocemente di un computer quando si tratta di calcolare il percorso migliore per raggiungere una serie di punti (o fiori) nello spazio tridimensionale? La realtà è che stiamo ampiamente sottovalutando l’intelligenza animale per via di parametri di ricerca sbagliati e preconcetti che ci impediscono di cogliere le incredibili espressioni cognitive dei nostri parenti più o meno prossimi.

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.