Punture di insetti, le più dolorose

dolore punture di insetti

Lo Schmidt Sting Pain Index è una scala numerica che va da 1 a 4, e che identifica il dolore provocato dalla puntura di insetti.

Questa scala, che classifica le delle punture di insetti più dolorose, è stata messa a punto da Justin O. Schmidt, un entomologo del Carl Hayden Bee Research Center, punto numerose volte da una moltitudine di insetti, punture che gli hanno fatto creare la scala di dolore che porta il suo nome.

Inizialmente il Pain Index era un resoconto delle proprietà emolitiche del veleno di alcuni insetti e andava da 0 (nessun effetto sull’essere umano) fino a 4, numero che rappresenta il dolore totale, quasi indescrivibile.
Successivamente la scala è stata modificata e corretta diventando la moderna classifica del dolore causato dalle punture di svariati insetti, e ad oggi contiene i resoconti sulle punture di 78 specie.

Ecco la classifica su alcuni degli insetti più comuni in grado di pungere, o che causano le punture più dolorose mai sperimentate dall’uomo.

dolore punture di insetti

Pain Index: 1.0 – “Ape del sudore”. Nome comune che viene dato a tutte quelle api che sono attratte dalla salinità del sudore umano. In particolare ci si riferisce ad una famiglia di api, le Halictidae, che vive in molte regioni del mondo. La puntura di questo insetto è quasi del tutto indolore.

dolore punture di insetti

Pain Index: 1.2 – Formica di fuoco. Una varietà di formiche in grado di iniettare veleno e di causare dolore lieve ed irritazione. Il grosso problema con queste formiche non è il dolore che provocano le loro punture, ma il fatto che attacchino in massa, lasciando segni su tutto il corpo in grado di infettarsi.

dolore punture di insetti

Pain Index: 1.8 – Formica dell’acacia. Vive su un’acacia nativa del Messico (Acacia cornigera), chiamata “corna di toro” per alcune escrescenze che crescono alla base del fogliame. Questo albero vive in simbiosi con una formica, la Pseudomyrmex ferruginea, che attacca qualunque cosa possa minacciare la pianta utilizzando un pungiglione decisamente doloroso, sensazione descritta da Schmidt “come se qualcuno avesse sparato un punto chirurgico sulla tua guancia”.

dolore punture di insetti

Pain Index 2.0Dolichovespula maculata. Vespa appartenente ad un genere chiamato “yellojackets” e che vive in Nord America. Colpisce ripetutamente se disturbata. Secondo Schmidt : “E’ come farsi chiudere una mano in mezzo ad una porta” o “farsi spegnere un sigaro sulla lingua”.

miele e api

Pain Index 2.x – Ape del miele. Dolore descritto come “un fiammifero acceso che brucia la pelle”.

dolore punture di insetti

Pain Index 3.0 – Formica rossa raccoglitrice. La Pogonomyrmex barbatus è una formica Nord Americana che raccoglie ed accula semi. E’ molto aggressiva, e la sua puntura è estremamente dolorosa e può causare reazioni allergiche. Può anche mordere ferocemente con le sue potenti mascelle. Il dolore è “come se qualcuno usasse un trapano per scavare l’unghia dell’alluce”.

dolore punture di insetti

Pain Index 4.0 – Tarantula Hawk. Caccia tarantole per darle in pasto alle sue larve. Con il suo pungiglione cattura e paralizza le tarantole, per poi trascinarle nel nido. Con l’essere umano non è aggressiva, a meno che non si senta minacciata. Quando punge, tuttavia, il dolore è uno dei più acuti dell’intero mondo degli insetti. Il dolore persiste per 3 minuti circa. Il dolore provocato da questa vespa viene descritto come “immediato, lancinante dolore che semplicemente non ti rende in grado di fare qualunque cosa, eccetto gridare. La disciplina mentale non funziona in queste situazioni”.

formica proiettile

Pain Index 4.xFormica Proiettile. Ecco l’insetto più doloroso in assoluto. Si trova addirittura fuori scala, visto il dolore che provoca la sua puntura. Si chiama “formica proiettile” proprio per il fatto che il dolore provocato dal suo pungiglione sembra sia paragonabile a quello provocato da un proiettile sparato da una pistola. Viene anche chiamata “formica 24 ore” per la durata del dolore dopo la puntura, 24 ore appunto.

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *